TRATTAMENTO DEL VARICOCELE

Subfertilità

Terapia per il varicocele

Spesso il varicocele non necessita di alcuna operazione. Il trattamento viene proposto ai soggetti che presentano:

  • problemi di fertilità

  • dolore o varicocele sintomatico

  • un rallentamento della crescita del testicolo sinistro

  • si ritiene, infatti, che i ragazzi con il testicolo sinistro più piccolo siano esposti ad un rischio maggiore di problemi di fertilità da adulti

  • varicocele persistente o recidivo

L’impatto che il trattamento del varicocele ha sulla fertilità non è ancora chiaro. Alcuni studi mostrano un miglioramento della fertilità, mentre altri no. In seguito alla correzione del varicocele la qualità del liquido seminale migliora in circa 6 uomini su 10 con problemi di fertilità. Consigliamo di prendere in considerazione questo trattamento in combinazione con altre terapie per la fertilità.

Negli adolescenti che si sottopongono all’intervento chirurgico principalmente a causa dell’ipotrofia testicolare successivamente la crescita testicolare recupera (in circa 8 pazienti su 10)

Non esistono farmaci per curare o prevenire il varicocele, ma gli antidolorifici (come i FANS) possono aiutare a contrastare il dolore.

Ove necessario, la chirurgia rappresenta la principale forma di trattamento. L’operazione per il varicocele può essere eseguita con diverse. tecniche, ma il comun denominatore è la chiusura del plesso pampiniforme.

Presso le cliniche International Andrology abbiamo una preferenza per la legatura microchirurgica delle vene spermatiche, cioè mediante l’utilizzo di un microscopio operatore che presenta comprovati vantaggi rispetto alle altre tecniche. Si tratta di una tecnica abbastanza complessa per molti urologi o andrologi che richiede maggiore esperienza e training professionale, ma che in mani esperte risulta mini invasiva e dà ottimi risultati.

Panoramica sulla legatura microchirurgica delle vene spermatiche (sec. Goldstein)

Rappresenta la tecnica migliore per il trattamento del varicocele per il ridotto o assente numero di complicanze quali idrocele o atrofia testicolare che si verificano con le tecniche tradizionali. Per quanto riguarda il tasso recidiva/persistenza esso è dello 0,8-4% con la tecnica microchirurgica mentre fino al 29% con le legature alte, il 3-7% per la chirurgia laparoscopica, il 3.8-10% con le diverse tecniche di scleroembolizzazione.

La tecnica prevede:

Mini-incisione cutanea di circa 2,5 cm livello sub-inguinale.

Identificazione ed esteriorizzazione del funicolo spermatico e successiva apertura delle fasce spermatiche.

Introduzione del microscopio operatore che permette di ottenere una magnificazione fino a 20 ingrandimenti. Identificazione e preservazione delle arterie mediante l’utilizzo della papaverina e del Doppler intraoperatorio, risparmio dei linfatici, dei nervi, e del vaso deferente.

Legatura delle vene.

Esteriorizzazione del testicolo per ispezionare e legare eventuali vene del gubernaculum.

Riposizionamento del testicolo nella borsa scrotale e chiusura secondo i piani.

Per comprendere meglio la tecnica di legatura microchirurgica delle vene spermatiche, abbiamo creato un video esplicativo che trova di seguito.

Per maggiori informazioni sull’operazione per il varicocele, la invitiamo a contattare il nostro Manager al o a leggere le FAQ che trova di seguito.

Domande frequenti sull’intervento chirurgico per il varicocele

Quanto dura l’intervento?

Tutti i nostri interventi per il trattamento del varicocele vengono eseguiti in regime di day surgery e durano da 1 alle 2 ore. L’intero processo (dall’accesso alla dimissione) dura circa 6-8 ore, dopo le quali sarà in grado di tornare a casa o in hotel.

Avrò bisogno di un’anestesia generale?

Sì, l’intervento viene eseguito in anestesia generale. Tuttavia, ciò non deve essere motivo di preoccupazione. Attualmente gli interventi chirurgici eseguiti in regime di day surgery necessitano di anestesie bilanciate ed è improbabile che si verifichino problematiche poiché i nostri interventi sono poco invasivi.

In pratica, sarà addormentato poco prima dell’inizio dell’intervento e si sveglierà quando il chirurgo avrà finito. Sarà quindi sotto anestesia per circa 2 ore.

Quanto tempo dovrò rimanere in ospedale?

Dopo l’intervento, dovrà rimanere in ospedale per altre 3-4 ore per osservazione clinica. In queste ore sarà assistito da uno dei nostri infermieri, potrà mangiare, e dopo essere stato visitato dal suo chirurgo sarà libero di tornare a casa. Sarà in grado di camminare ed eseguire le vostre normali attività, solitamente con dolori o fastidi di lieve entità.

Arriverò da un altro paese; quanto tempo dovrò trattenermi per il controllo post-operatorio?

Il giorno seguente l’intervento si recherà in visita presso lo studio del suo chirurgo per controllare che tutto proceda secondo le aspettative, dopodiché le sarà consentito viaggiare.

Come devo prepararmi per l’intervento?

Non è necessaria alcuna preparazione, anche se è consigliabile seguire uno stile di vita sano (in termini di dieta, esercizio fisico, fumo e alcool) dal mese precedente la procedura per accelerare il recupero. Inoltre, riceverà istruzioni dettagliate sul digiuno che dovrà seguire nelle 8 ore precedenti all’intervento. Si assicuri inoltre di informare prontamente il suo chirurgo di eventuali malattie in atto o recenti problemi di salute per valutare se è necessario posticipare l’intervento. Qualora ci fosse bisogno di fare altro prima dell’intervento, il suo medico la informerà durante la visita.

Qual è il costo del trattamento chirurgico?

I costi del trattamento chirurgico dipendono dal tipo di intervento, dai presidi medici utilizzati e dalle specifiche caratteristiche del paziente. Se il medico riterrà opportuno eseguire un trattamento chirurgico, riceverà un preventivo completo che includerà tutti i costi (materiale medico, degenza, competenze anestesiologiche e tutti e i successivi controlli).

A titolo indicativo, il costo totale di un intervento chirurgico per il varicocele parte da €4500.

Quanto sono esperti i vostri chirurghi?

I nostri chirurghi sono altamente specializzati in chirurgia uro-genitale e ciascuno esegue in media oltre 300 interventi l’anno. Difatti, siamo considerati un centro di riferimento internazionale ed i nostri pazienti provengono da diverse parti del mondo per essere operarti.

Altrettanto importante è che, in qualità di network internazionale di andrologia, abbiamo sviluppato protocolli chirurgici molto rigorosi e avanzati e ogni mese organizziamo meeting durante i quali i nostri chirurghi condividono le loro esperienze e discutono dei casi più difficili, apportando continui miglioramenti alle nostre tecniche chirurgiche.

Qual è la vostra percentuale di successo?

Definiamo in due modi la nostra percentuale di successo chirurgica:

  • Assenza di gravi complicazioni;

  • Assenza di recidive

In base a questi criteri, la nostra percentuale di successo per quanto riguarda gli interventi per il varicocele supera il 98%.

Posso leggere testimonianze dei pazienti?

Sì. Abbiamo raccolto moltissime testimonianze (pubblicate anonimamente qui) e possiamo metterla in contatto tramite telefono o mail con alcuni pazienti se desidera avere maggiori informazioni circa la loro esperienza.

Cosa devo fare dopo l’intervento?

Il giorno successivo all’intervento dovrà recarsi in visita dal suo chirurgo, il quale le fornirà dettagliate istruzioni per il post-operatorio, controllerà e/o cambierà le sue medicazioni e risponderà a qualsiasi sua domanda.

Dopo questa visita di persona e fino alla successiva (solitamente un mese dopo) il suo chirurgo e il nostro manager rimarranno in stretto contatto con lei per essere periodicamente aggiornati sul suo stato di salute e risolvere qualsiasi suo dubbio.

Quanti giorni dovrò assentarmi dal lavoro per sottopormi all’intervento?

La maggior parte dei pazienti può tornare a lavoro 2-5 giorni dopo l’intervento se svolge un lavoro di ufficio. Se il suo lavoro prevede attività fisica intensa, dovrà aspettare un periodo più lungo.

Dopo quanto tempo posso riprendere l’attività sessuale?

Solitamente è possibile riprendere l’attività sessuale dopo 2-3 settimane, salvo diversa indicazione da parte del suo chirurgo.

Proverò dolore dopo l’intervento?

Potrebbe provare un dolore sordo e qualche fastidio, ma può assumere dei normali antidolorifici da banco per contrastarli. Alcuni pazienti, in particolare i più giovani, potrebbero provare dolore durante l’erezione per i primi giorni.

Credo di essere affetto da varicocele. Cosa dovrei fare?

Se è affetto o sospetta di essere affetto da varicocele, le consigliamo di consultare un uro-andrologo.

Poiché il varicocele ha diversi gradi di severità e può compromettere la spermatogenesi è importante effettuare una valutazione completa.

I nostri medici sono altamente specializzati nella diagnosi e terapia del varicocele, siamo considerati centro di riferimento internazionale per i pazienti affetti da questa patologia. Saremo lieti di valutare il suo caso e offrile un trattamento personalizzato.

x

PER SAPERNE DI PIÙ

Il varicocele si manifesta con una dilatazione delle vene all’interno dello scroto che ha inizio durante la pubertà e può crescere e diventare visibile nel tempo. Il disturbo si manifesta più comunemente a sinistra. Ciò avviene perché l’anatomia maschile non è perfettamente simmetrica. Continue Reading....
L’urologo esamina lo scroto per verificare la presenza di varicocele mentre il paziente è in piedi; potrebbe chiederle di fare un respiro profondo, trattenerlo ed espirare a bocca chiusa mentre è impegnato alla palpazione dello scroto al di sopra dei testicoli. Questa procedura, nota come “manovra di Valsalva”, consente di valutare la presenza o meno di eventuali vene dilatate. Continue Reading....
Spesso il varicocele non necessita di alcuna terapia. Il trattamento viene proposto ai soggetti che presentano. Continue Reading....

PER SAPERNE DI PIÙ

Contatti