Eiaculazione precoce

Salute Sessuale

I protocolli terapeutici per curare l’eiaculazione precoce

I nostri protocolli terapeutici per curare l’eiaculazione precoce si basano sui più recenti studi clinici, linee guida mediche e la nostra ampia esperienza clinica, e ci aspettiamo che quasi tutti i nostri pazienti riescano a migliorare il proprio tempo di eiaculazione.

Molti medici specializzati in disfunzioni sessuali ritengono che il trattamento dell’EP sia particolarmente complesso. Non essendo ancora ben stabilito il meccanismo alla base del disturbo, non esiste un trattamento specifico che possa aiutare tutti i pazienti.

Per tale motivo, il nostro piano terapeutico segue un approccio personalizzato e multimodale e i protocolli generalmente consistono in una combinazione dei seguenti elementi:

Come curare l’eiaculazione precoce: consulenza & informazione

I pazienti che soffrono di eiaculazione precoce dovrebbero avere un’adeguata conoscenza delle caratteristiche principali della loro condizione. La consulenza e l’informazione rappresentano due elementi essenziali per la cura dell’eiaculazione precoce, soprattutto se soggettiva e variabile. Ad esempio, è importante che i pazienti sappiano che:

  • Il 20-30% degli uomini lamenta di soffrire di EP sulla base di uno IELT inferiore ai 2 minuti, ma la prevalenza di EP patologica probabilmente non supera il 5% della popolazione generale,
  • Lo IELT medio è di 5,4 min.,
  • Lo IELT diminuisce con l’età,
  • Ci sono diverse tipologie di EP, con cause e piani terapeutici differenti.

Trattamento e controllo dei fattori di rischio per l’eiaculazione precoce secondaria

Il trattamento di prima linea dei pazienti che hanno ricevuto una chiara diagnosi di eiaculazione precoce secondaria dovrebbe mirare a contrastare i fattori di rischio identificati, come ad es. la disfunzione erettile.

Terapia comportamentale

È possibile ritardare l’eiaculazione con tecniche come la “Start-Stop” e la “Start-Stop-Squeeze” (con o senza l’ausilio di un vibratore medico).

I pazienti possono provare a praticare queste tecniche prima del rapporto sessuale sotto la guida di un nostro  un medico.  Questo tipo di terapia può essere più utile per i pazienti che soffrono di eiaculazione precoce secondaria, episodica  e soggettiva.

Anestetici locali

Una delle teorie prevalenti sulle cause dell’eiaculazione prematura è l’ipersensibilità genitale. L’applicazione di anestetici locali sul glande potrebbe perciò aiutare alcuni pazienti a combattere l’eiaculazione precoce. Le opzioni includono:

  • Creme;
  • Spray;
  • Preservativi con anestetici locali.

È importante utilizzare gli anestetici locali in modo corretto così da raggiungere un dosaggio ottimale ed evitare di intorpidire completamente il pene o i genitali del partner. Inoltre, il loro uso va evitato se la partner  è in  di gravidanza.

Terapia orale

Esistono diversi farmaci utili per il trattamento dell’eiaculazione precoce.

  • Farmaci antidepressivi, noti come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) Diversi antidepressivi che notoriamente causano un ritardo dell’eiaculazione sono stati oggetto di valutazione per la gestione dell’eiaculazione precoce (EP). Tra questi antidepressivi rientrano la fluoxetina, la paroxetina e la sertralina, così come la clomipramina, un antidepressivo triciclico. Studi clinici indicano che la paroxetina è quella che aumenta maggiormente il tempo di latenza eiaculatoria intravaginale (IELT) (8,8 volte), seguita dall’escitalopram (4,9 volte), la sertralina (4,1 volte) e la fluoxetina (3,9 volte). Quando si utilizzano gli inibitori SSRI, è importante considerare il dosaggio e se questi vengono assunti all’occorrenza (ad es. prima del rapporto sessuale) o quotidianamente.

Il dosaggio all’occorrenza evita gli effetti collaterali che l’assunzione quotidiana di antidepressivi comporta, un elemento importante da discutere col proprio medico nel momento in cui si decide il protocollo di trattamento. In generale, il dosaggio al bisogno degli SSRI è meno efficace e il medicinale deve essere assunto 4-6 ore prima del rapporto, col rischio di rendere difficile la pianificazione in alcuni casi. Nel caso si ricorra a un dosaggio quotidiano, bisogna ricordare, invece, che il medicinale avrà il suo massimo effetto dopo 2-3 settimane.

Per questo motivo, solitamente prescriviamo ai pazienti candidati al trattamento con SSRI prima un dosaggio quotidiano per 4-6 settimane per poi passare gradualmente verso un utilizzo al bisogno.

  • Priligy (Dapoxitine)

La dapoxetina (il cui nome commerciale è Priligy®) è un farmaco sviluppato appositamente per il trattamento dell’EP ed è perciò il trattamento di prima linea per quasi tutti i pazienti. Anche se è un SSRI, il suo vantaggio è che, una volta assunto , ha un effetto perlopiù immediato  ed ha una durata breve (1,5 ore, approssimativamente la metà degli altri), il che si traduce con una ridotta probabilità che i pazienti soffrano dei gravi effetti collaterali correlati agli altri SSRI e nella possibilità di assumerli poco prima del rapporto sessuale (1-2 ore).

  • Alfa-bloccanti uroselettivi

Alcune prove scientifiche indicano che l’uso quotidiano di alfa-bloccanti (come la tamulosina e la silodosina), solitamente impiegati per il trattamento dei disturbi del basso tratto urinario (LUTS), può migliorare il tempo di eiaculazione. Questa tipologia di farmaco viene solitamente prescritta ai pazienti che non hanno tratto giovamento dalla terapia a base di dapoxetina, SSRI e altre modalità terapeutiche, o a quei pazienti con concomitanti LUTS.

  • Inibitori della PDE-5

Gli inibitori della PDE5’s possono essere un valido aiuto nei pazienti che cercano un rimedio all’eiaculazione precoce secondaria a disfunzione erettile. Se dopo il trattamento per la disfunzione erettile l’EP non migliora, bisognerà allora integrare i PDE5i (o altri trattamenti per la DE) con altre opzioni terapeutiche.

Terapia iniettiva intracavernosa

Gli uomini perdono l’erezione con l’eiaculazione. I pazienti affetti da EP e i loro partner possono provare frustrazione perché ciò impedisce di godere a pieno della penetrazione. Nei casi più severi di EP, come la penetrazione ante-portam, laddove altri trattamenti non hanno avuto successo, terapia iniettiva a base di alprostadil, o simili iniezioni in grado di indurre l’erezione, può consentire al paziente di mantenere l’erezione anche dopo l’eiaculazione e di riprendere il rapporto.

Questa modalità terapeutica potrebbe non essere particolarmente piacevole per i pazienti, ma può migliorare l’appagamento sessuale del partner e, in alcuni casi, aiutare i pazienti a controllare meglio l’eiaculazione.

Terapia combinata

Molti pazienti con EP non rispondono alle singole modalità terapeutiche e necessitano di una terapia combinata. Esempi di terapia combinata sono:

  • Terapia comportamentale + farmacoterapia
  • Terapia topica + SSRI
  • Terapia quotidiana con SSRI seguita da SSRI al bisogno
  • PDE5i + terapia topica
  • PDE5i + SSRI

Chirurgia

I pazienti che soffrono di EP a causa di un problema ai genitali come il frenulo breve, fimosi o balanopostite, possono migliorare il proprio tempo di eiaculazione attraverso la correzione chirurgica del problema.

È importante notare che la circoncisione non dovrebbe essere presentata come trattamento di routine per l’EP, poiché potrebbe non apportare alcun giovamento in presenza di un prepuzio sano.

Eiculazione precoce rimedi: ulteriori trattamenti

Se nessuna delle opzioni terapeutiche summenzionate riesce a ritardare l’eiaculazione e il paziente prova ancora molto disagio, possono essere prese in considerazione altre opzioni più invasive o con meno prove scientifiche a loro sostegno. Eccone alcune:

  • Ingrossamento del glande con acido ialuronico
  • Neuromodulazione dei nervi dorsali del pene
  • Neurotomia del nervo dorsale
  • Tramadolo per via orale

Nessuna di queste opzioni dovrebbe essere offerta abitualmente al paziente, ma soltanto dopo un’attenta valutazione, poiché la loro efficacia non è ancora stata provata, potrebbero essere più invasive o presentare gravi effetti collaterali.

Soffro di eiaculazione precoce. Cosa posso fare?

Se soffre di eiaculazione precoce, le consigliamo di rivolgersi ad uno dei nostri andrologi altamente specializzati. Il primo passo verso un trattamento efficace è, infatti, una corretta diagnosi e l'identificazione delle cause alla base del problema.

Oltre questo, i nostri medici avranno due obiettivi:

  • Impostare una terapia che le permetterà di migliorare immediatamente il tempo di eiaculazione, così da riprendere una normale attività sessuale;
  • Scegliere un trattamento che correggerà le cause alla base dei suo problema.

Tutti i trattamenti che offriamo sono, infatti, altamente personalizzati. Siamo in grado di ottenere questi risultati grazie all'esperienza cumulativa dei nostri medici, che hanno guarito oltre 10.000 pazienti affetti da EP.

x

PER SAPERNE DI PIÙ

L’eiaculazione precoce, spesso indicata come EP, è la più comune disfunzione sessuale negli uomini con età inferiore ai 60 anni, e si stima che circa il 30% degli uomini ne sia colpito indipendentemente dall’età. Continue Reading....
Il primo passo per il trattamento dell’eiaculazione precoce è stabilire la tipologia di EP a cui appartiene il paziente le cui cause sono sintetizzate più avanti. Continue Reading....
I nostri protocolli terapeutici per l’eiaculazione precoce si basano sui più recenti studi clinici, linee guida mediche e la nostra ampia esperienza clinica, e ci aspettiamo che quasi tutti i nostri pazienti riescano a migliorare il proprio tempo di eiaculazione. Continue Reading....
Tutti i pazienti trattati nella nostra struttura vengono sottoposti ad accurati protocolli diagnostici e terapeutici, costituiti dalle seguenti fasi: Continue Reading....
Purtroppo, la maggior parte delle compagnie assicurative non copre i costi delle visite specialistiche per le disfunzioni sessuali o l’infertilità maschile, perciò quasi tutti i nostri pazienti sono autofinanziati. Continue Reading....

PER SAPERNE DI PIÙ

Contatti