FERTILITÀ MASCHILE

Subfertilità
 

Domande frequenti sullo spermiogramma

Lo spermiogramma, conosciuto anche come esame del liquido seminale, analizza lo stato di salute e la viabilità degli spermatozoi. Lo sperma è il liquido contenente gli spermatozoi (oltre a  zuccheri e sostanze proteiche) che viene rilasciato durante l’eiaculazione. Uno spermiogramma analizza i tre fattori principali che influenzano la salute dello spermatozoo:

  • il numero di spermatozoi
  • la forma degli spermatozoi
  • la motilità degli spermatozoi

Spesso i medici eseguono due o tre esami tra loro separati al fine di valutare meglio lo stato di salute degli spermatozoi. Gli esami devono essere ripetuti ad un intervallo di sette giorni l’uno dall’altro e nel corso di due, tre mesi. La conta spermatica può, infatti, variare di giorno in giorno. L’analisi del liquido seminale dovrà perciò essere fatta su un campione medio per avere un risultato più accurato possibile.

Come prepararsi allo spermiogramma

Il suo medico le spiegherà come prepararsi per lo spermiogramma. È molto importante seguire attentamente queste istruzioni per ottenere un risultato preciso.

Le indicazioni per un campione ottimale sono:

  • astensione dall’eiaculazione dalle 24 alle 72 ore prima dell’esame
  • evitare alcool, caffeina e droghe come cocaina e marijuana da 2 a 5 giorni prima dell’esame
  • interrompere l’assunzione di rimedi a base di erbe come l’erba di San Giovanni e l’echinacea
  • evitare l’assunzione di ormoni
  • informare il medico se si stanno assumendo farmaci

 

 

Come viene raccolto il campione?

Dovrà fornire al suo medico un campione di liquido seminale per effettuare l’esame. Ci sono quattro modi per raccogliere un campione di sperma:

  • mediante la masturbazione
  • utilizzando speciali profilattici durante l’attività sessuale, dato che i comuni profilattici potrebbero interferire con la vitalità degli spermatozoi
  • coito interrotto
  • eiaculazione tramite elettrostimolazione (per coloro i quali per motivi religiosi è proibita la masturbazione o coloro i quali è compromesso il riflesso eiaculatorio)

La masturbazione viene considerata il modo migliore per ottenere un campione puro.

 

Come ottenere un buon campione

Sono due i fattori che consentono di ottenere un campione ottimale. Innanzitutto, lo sperma deve essere mantenuto a una temperatura simile a quella corporea. Una temperatura eccessivamente alta o bassa potrebbe, infatti, determinare un risultato impreciso. In secondo luogo, il seme deve essere consegnato al laboratorio d’analisi entro 30-60 minuti dalla raccolta.

 

 

Interferenze

Alcuni fattori possono incidere negativamente sull’esito dell’esame:

  • liquido seminale entrato in contatto con uno spermicida
  • malattie o stress
  • inesperienza del tecnico di laboratorio
  • contaminazione del campione

Non sono noti, rischi associati all’esecuzione dello  spermiogramma.

Se i risultati dello spermiogramma non rientrano nei limiti e ciò non è stato influenzato da una cattiva manipolazione del campione, il suo medico potrebbe valutare l’assunzione delle seguenti sostanze, in grado di influire sulla conta spermatica:

  • alcool
  • caffeina
  • erbe officinali come l’erba di San Giovanni
  • terapie farmacologiche che notoriamente riducono la conta spermatica, come la cimetidina
  • droghe
  • tabacco

 

Quali sono i risultati normali?

Il medico dovrà prendere in considerazione diversi fattori nel momento in cui analizza uno spermiogramma. Se, infatti,  verrà eseguito un esame dopo vasectomia, esso tenta semplicemente di rilevare la presenza e/o assenza di spermatozoi, invece, un esame eseguito per individuare eventuali problemi di fertilità è molto più approfondito. Il suo medico prenderà in considerazione ciascuno dei seguenti risultati:

 

Morfologia

La percentuale di spermatozoi morfologicamente normali, che hanno, cioè, una forma normale, è generalmente superiore al 4 %. Laddove la percentuale di spermatozoi morfologicamente normali risulti più bassa di questa percentuale si parla di teratozoospermia.

L’esame di laboratorio può rilevare anomalie nella testa, nel tratto intermedio o nella coda degli spermatozoi. È possibile anche che gli spermatozoi siano incapaci di fecondare l’ovocita poiché non maturi.

 

Motilità

Si distinguono 3 gradi di motilità dello spermatozoo all’ interno del liquido seminale:

-motilità progressiva (PR)

-motilità non progressiva (NP)

-immotilità (IM)

In condizioni di normalità la percentuale di spermatozoi che si muove di moto progressivo (PR) è maggiore o uguale del 32% e la percentuale di spermatozoi motili totali (PR + NP) è maggiore o uguale del 40%.

pH

Il livello di pH deve essere compreso tra 7,2 e 7,8 per avere un risultato nella norma. Un livello di pH superiore a 8 potrebbe indicare che il donatore ha un’infezione in corso. Un risultato inferiore a 7,0 potrebbe, invece, suggerire una contaminazione del campione o un’ostruzione o assenza dei dotti eiaculatori.

 

Volume

In condizioni normali, il volume dello sperma dovrebbe essere maggiore di 1.5 mL. Uno scarso volume spermatico potrebbe indicare un numero di spermatozoi troppo basso per fecondare l’ovocita. Anche un volume eccessivo dell’eiaculato potrebbe essere negativo, implicando una diluizione della quantità di spermatozoi presenti.

 

Fluidificazione

Il processo di liquefazione dello sperma dovrebbe essere compreso tra i 15 e i 30 minuti. Seppure, infatti, inizialmente lo sperma ha una consistenza più densa, la sua capacità di fluidificazione, ossia di assumere una consistenza acquosa, facilita il movimento degli spermatozoi. La mancata liquefazione del liquido seminale entro 15-30 minuti potrebbe compromettere la fertilità.

 

Concentrazione

In condizioni di normalità, la concentrazione, che indica il numero di spermatozoi presenti in 1 mL di eiaculato dovrebbe oscillare tra i 15 e i 213 milioni. ll numero totale di spermatozoi nell’eiaculato si ottiene moltiplicando la concentrazione per il volume totale del campione: un liquido seminale normale ha un numero totale di spermatozoi eiaculati uguale o maggiore di 39 milioni.

Aspetto

L’aspetto dello sperma dovrebbe essere grigio opalescente. Un liquido seminale di tonalità rossiccia-marrone potrebbe indicare la presenza di sangue, un colore giallastro potrebbe denotare ittero o essere un effetto collaterale di qualche farmaco.

Classificazione WHO 2010: parametri del liquido seminale espressi in percentili

PARAMETRI SEMINALI

VALORI DI RIFERIMENTO AL 5° PERCENTILE

VALORI DI RIFERIMENTO AL 50° PERCENTILE

VALORI DI RIFERIMENTO AL 95° PERCENTILE

 

 

   
  1,5 3,7 6,8

Volume (mL)

  >7.2 >7.2 >7.2

pH

  15 milioni 73 milioni 213 milioni

Numero di spermatozoi/mL

  39 milioni 255 milioni 802 milioni

Numero di spermatozoi/eiaculato

  32% 55% 72%

Motilità progressiva

  40% 61% 78%

Motilità totale

  > 50% >50% >50%

Vitalità

 

>58% >58% >58%

Swelling test

  4% 15% 44%

Forme normali

  < 1 milione/mL < 1 milione/mL < 1 milione/mL

Leucociti

  < 50% < 50% < 50%

Anticorpi antispermatozoo: Mar test IgG/IgA

 

 

 

 

Terminologia di alcune variabili seminali:

 

Normozoospermia Normalità dei parametri seminali
Oligozoospermia Concentrazione spermatica < 15x 10 milioni /mL o
Numero totale di spermatozoi nell’eiaculato < 39 milioni
Astenozoospermia < 32% di spermatozoi con motilità progressiva (PR)
Teratozoospermia < 4% di spermatozoi con morfologia normale
Oligoastenoteratozoospermia Alterazione del numero, della motilità e della morfologia degli spermatozoi
Oligoteratozoospermia Alterazione del numero e della morfologia degli spermatozoi
Oligoastenozoospermia Alterazione del numero e della motilità degli spermatozoi
Astenoteratozoospermia Alterazione della motilità e della morfologia degli spermatozoi
Criptozoospermia Assenza di spermatozoi nell’eiaculato, ma presenza di cellule spermatiche dopo centrifugazione
Necrozoospermia < 58% di vitalità spermatica
Azoospermia Assenza di spermatozoi nell’eiaculato anche dopo centrifugazione
Aspermia Assenza di eiaculato
Ipoposia Ridotto volume del liquido seminale
Iperposia Eccessivo volume del liquido seminale

 

Cosa implica un risultato anomalo?

Spermatozoi con anomalie possono avere problemi a raggiungere e/o penetrare l’ovocita, impedendo così il concepimento. Un risultato anomalo può denotare:

  • infertilità
  • infezione
  • squilibrio ormonale
  • malattie come il diabete
  • anomalie genetiche
  • esposizione a radiazioni

Se ripetendo l’esame il risultato mostra ancora anomalie, il suo medico probabilmente le suggerirà di eseguire altri esami. Alcuni di questi esami sono:

  • esame del DNA spermatico
  • test genetici
  • dosaggio ormonale
  • ecografia scrotale
  • analisi delle urine dopo l’eiaculazione
  • biopsia testicolare
  • test immunologico sul liquido seminale

Credo di avere un problema di fertilità. Cosa dovrei fare?

Se presenta difficoltà di concepimento, se ha ricevuto una diagnosi di azoospermia o vuole controllare la sua salute spermatica, le consigliamo di consultare un uro-andrologo.

I nostri medici sono altamente specializzati nella diagnosi e terapia della subfertilità maschile e siamo considerati centro di riferimento internazionale per i casi più difficili, soprattutto quelli di infertilità inspiegata. Saremo lieti di valutare il suo caso e offrirle un trattamento personalizzato.

x

PER SAPERNE DI PIÙ

Circa il 15% delle coppie ha problemi di fertilità. Si definisce infertile quella coppia che non è in grado di concepire dopo un anno o più di rapporti sessuali regolari e non protetti. In circa la metà delle coppie, la causa dell’infertilità è attribuibile ad un fattore maschile.. Continua a leggere....

o spermiogramma, conosciuto anche come esame del liquido seminale, analizza lo stato di salute e la viabilità degli spermatozoi. Continua a leggere....

Il test di frammentazione del DNA spermatico è un’indagine di seconda generazione in grado di evidenziare le lesioni o rotture dello spermatozoo di un individuo. Continua a leggere....

La fertilità maschile è un processo molto complesso. Affinché la sua partner abbia una gravidanza, devono sussistere le seguenti condizioni: Continua a leggere....

La tipologia di trattamento più adeguata dipenderà dai fattori che hanno innescato la subfertilità. Oltre a ricorrere a terapie mediche è possibile anche apportare dei miglioramenti al proprio stile di vita per migliorare la qualità spermatica e ridurre la frammentazione del DNA spermatico. Continua a leggere....

PER SAPERNE DI PIÙ

Contatti