FERTILITÀ MASCHILE

Subfertilità
 

Opzioni terapeutiche per la subfertilità maschile

La tipologia di trattamento più adeguata dipenderà dai fattori che hanno innescato la subfertilità. Oltre a ricorrere a terapie mediche è possibile anche apportare dei miglioramenti al proprio stile di vita per migliorare la qualità spermatica e ridurre la  frammentazione del DNA spermatico.

Le opzioni sono rappresentate da:

Chirurgia. Per fare un esempio, spesso si procede alla correzione chirurgica del varicocele o alla ricanalizzazione delle vie seminali ostruite. Per esempio precedenti interventi di vasectomia possono essere reversibili (vasectomy reversal). Nei casi in cui vi sia assenza completa di spermatozoi  nell’eiaculato (azoospermia), spesso è possibile tentare di prelevarli direttamente dai testicoli o dall’epididimo utilizzando diverse tecniche di recupero degli stessi.

Trattamento delle infezioni. La terapia  antibiotica potrebbe curare un’infezione delle gonadi o delle vie seminali, ma non sempre è in grado di ripristinare la fertilità.

Trattamento dei problemi di natura sessuale. I farmaci o la terapia psicologica possono aiutare a migliorare la fertilità in condizioni di disfunzione erettile o eiaculazione precoce, di cui qui si trova anche un’approfondita analisi delle cause

Terapia ormonale e farmacologica. Il suo medico potrebbe suggerirle terapie ormonali sostitutive o farmaci nel caso in cui l’infertilità sia causata da livelli bassi o alti di determinati ormoni o problemi attinenti al modo in cui gli ormoni vengono utilizzati dall’organismo.

Tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA). I trattamenti di PMA prevedono il recupero  degli spermatozoi attraverso una normale eiaculazione, tramite estrazione chirurgica o da individui donatori(vietato in Italia), a seconda del caso e i desideri specifici del paziente. Il liquido seminale viene quindi inserito nel tratto genitale femminile o utilizzato per eseguire una fertilizzazione in vitro (IVF) o un’iniezione intracitosplasmatica dello spermatozoo (ICSI).

Se il trattamento non funziona

In rari casi è impossibile trattare o ovviare ai problemi di infertilità maschile. Il suo medico potrebbe suggerirle di utilizzare gli spermatozoi di un donatore (vietato in Italia) o iniziare le pratiche per l’adozione.

Credo di avere un problema di fertilità. Cosa dovrei fare?

Se presenta difficoltà di concepimento, se ha ricevuto una diagnosi di azoospermia o vuole controllare la sua salute spermatica, le consigliamo di consultare un uro-andrologo.

I nostri medici sono altamente specializzati nella diagnosi e terapia della subfertilità maschile e siamo considerati centro di riferimento internazionale per i casi più difficili, soprattutto quelli di infertilità inspiegata. Saremo lieti di valutare il suo caso e offrirle un trattamento personalizzato.

x

PER SAPERNE DI PIÙ

Circa il 15% delle coppie ha problemi di fertilità. Si definisce infertile quella coppia che non è in grado di concepire dopo un anno o più di rapporti sessuali regolari e non protetti. In circa la metà delle coppie, la causa dell’infertilità è attribuibile ad un fattore maschile.. Continue Reading....
o spermiogramma, conosciuto anche come esame del liquido seminale, analizza lo stato di salute e la viabilità degli spermatozoi. Continue Reading....
Il test di frammentazione del DNA spermatico è un’indagine di seconda generazione in grado di evidenziare le lesioni o rotture dello spermatozoo di un individuo. Continue Reading....
La fertilità maschile è un processo molto complesso. Affinché la sua partner abbia una gravidanza, devono sussistere le seguenti condizioni: Continue Reading....
La tipologia di trattamento più adeguata dipenderà dai fattori che hanno innescato la subfertilità. Oltre a ricorrere a terapie mediche è possibile anche apportare dei miglioramenti al proprio stile di vita per migliorare la qualità spermatica e ridurre la frammentazione del DNA spermatico. Continue Reading....

PER SAPERNE DI PIÙ

Contatti