MALATTIA DI LA PEYRONIE

Salute Uro-Genitale

Iniezioni di Xiapex per la malattia di La Peyronie

In base alle attuali evidenze scientifiche, Xiapex è l’unico trattamento non chirurgico approvato che ha un impatto significativo sulle placche della malattia di La Peyronie e determina in media una riduzione del 35% della curvatura peniena. Tuttavia, i risultati variano significativamente da paziente a paziente ed alcuni hanno mostrato perfino maggiori miglioramenti .

Come funziona?

I segni e i sintomi della malattia di La Peyronie sono causati dalla presenza di placche di collagene. L’iniezione di Xiapex nella placca, formata principalmente da collagene, può provocare la scissione enzimatica della placca. La deformità della curvatura peniena e il disturbo arrecato al paziente dalla malattia quindi possono ridursi.

formation

I nostri medici sono adeguatamente formati per la somministrazione di iniezioni di Xiapex e abbiamo scelto quest’opzione terapeutica come trattamento di prima linea per la malattia di Peyronie (può avere maggiori dettagli sui nostri protocolli terapeutici qui).

I risultati ottenuti ad oggi dai nostri pazienti sono molto incoraggianti e riteniamo che quest’opzione terapeutica possa cambiare totalmente la gestione della malattia di La Peyronie, consentendo per la prima volta ai pazienti di trattare la malattia sin dalla sua insorgenza.

Per maggiori informazioni su questo nuovo metodo di trattamento, la invitiamo a contattare il nostro Manager al 0694802098o a leggere le FAQ che trova di seguito.

Domande frequenti sul trattamento con Xiapex

Che risultati posso aspettarmi?

Diversi studi clinici hanno dimostrato l’efficacia di Xiapex nella scissione delle placche di La Peyronie e nella riduzione della curvatura peniena. In base agli studi più recenti, si verifica una riduzione media della curvatura pari al 35%: ad esempio, se la sua curvatura era di 90 gradi, una riduzione del 30% equivarrebbe a una curvatura inferiore a 60 gradi dopo il trattamento.

Si tratta, tuttavia, di valori medi. La nostra esperienza pratica suggerisce che i risultati variano significativamente da individuo a individuo. Abbiamo visto pazienti affetti da una curvatura di 60 gradi che hanno ottenuto una completa correzione della curvatura dopo una sola iniezione ed altri invece anche dopo 3 iniezioni hanno avuto solamente pochi miglioramenti.

Quando vedrò i primi risultati?

Una volta eseguita l’iniezione di Xiapex, il medico le indicherà quando iniziare il modellamento meccanico, che dovrà essere praticato per un mese così da migliorare l’efficacia dell’iniezione.

Supponendo che segua le istruzioni post-iniezione, nel giro di pochi giorni e nel corso del mese successivo comincerà a notare una graduale riduzione della curvatura.

Sono un buon candidato per il trattamento con Xiapex?

Nel corso della visita il medico valuterà se è idoneo al trattamento con Xiapex. Potrebbero non essere idonei al trattamento i pazienti con le seguenti caratteristiche:

  • ipersensibilità al principio attivo
  • disfunzione erettile severa;
  • curvatura superiore a 60 gradi;
  • curvatura ventrale (verso il basso);
  • placca calcifica;
  • persistenza del dolore.

Essendo Xiapex una nuova terapia i criteri per i protocolli terapeutici e i candidati ideali sono ancora oggetto di studio e potrebbero cambiare in futuro. Per esempio, quando Xiapex è stato valutato per la prima volta come opzione terapeutica per la malattia di La Peyronie è stato testato soltanto sui pazienti nella fase cronica della malattia. Tuttavia, l’esperienza pratica suggerisce che in realtà i pazienti nella fase acuta possano trarre maggior giovamento dal trattamento, purché siano i candidati adatti.

Di quante iniezioni avrò bisogno?

Anche questa rappresenta un’area di ricerca in evoluzione, ma, per riassumere, il numero di iniezioni dipenderà dall’efficacia e dalla valutazione dei risultati da parte del suo medico dopo l’iniezione. Come già menzionato, i risultati variano significativamente da paziente a paziente, ma il suo medico dovrebbe essere in grado di valutare la probabilità che il trattamento continui a fare effetto dopo 2-3 iniezioni.

Il nostro protocollo generalmente prevede 3 iniezioni con un intervallo di un mese tra ognuna, anche se ci sono pazienti che potrebbero aver bisogno di una sola iniezione e altri di un numero maggiore Studi iniziali suggeriscono che è improbabile che la curvatura possa avere ulteriori miglioramenti dopo 8 iniezioni.

In conclusione  la maggior parte dei pazienti verrà sottoposto ad un numero variabile di iniezioni (da 3 a 8).

Cosa devo fare tra un’iniezione e l’altra?

Dopo ogni iniezione e per il mese successivo (fino all’iniezione successiva), dovrà seguire un regime, il cosiddetto regime di modellamento penieno al fine di aumentare l’efficacia dell’iniezione. Il regime che proponiamo ai nostri pazienti è:

  • Terapia con pompa a vuoto due volte al giorno per 10 minuti
  • Azionare il pompaggio fino a raggiungere gradualmente l’erezione (assicurandosi di fermarsi una volta raggiunta la massima erezione);
  • Mantenere l’erezione per 30 secondi;
  • Far defluire l’aria e ricominciare (5 volte)
  • Esercizi di stretching penieno: ogni volta che va al bagno, tiri delicatamente e gradualmente il pene fino alla massima estensione (10 volte). In alternativa, è possibile utilizzare un dispositivo di stretching per 4-8 ore al giorno (maggiore la durata, maggiori i risultati), ma i pazienti trovano difficoltosa questa soluzione.
  • Modellamento penieno: ogni volta che ha un’erezione, cerchi di allungare con delicatezza il pene.
  • Il suo medico le mostrerà come effettuare il rimodellamento meccanico in modo preciso e le dirà quando poter cominciare una volta effettuata l’iniezione.

Your doctor will show you exactly how to apply mechanical modelling and will instruct you how soon to start after the injection.

Chi eseguirà l’iniezione di Xiapex?

Le iniezioni di Xiapex possono essere praticate soltanto da urologi e andrologi specificamente addestrati alla somministrazione e alla gestione di Xiapex.

Dovrò essere ricoverato?

No. Le iniezioni avvengono in studi dedicati, in regime ambulatoriale e sono costituite da 4 step:

  1. Preparazione del farmaco
  2. Iniezione di un anestetico locale e di un farmaco che induce l’erezione
  3. Iniezione di Xiapex
  4. Modellamento penieno da parte del medico

L’intero processo è minimamente invasivo e dura circa 45 minuti, compresa la consultazione col medico.

steps

Qual è il costo di Xiapex?

Il costo di ogni iniezione è di 1500 €, inclusi i costi di consultazione. Purtroppo, Xiapex è un farmaco nuovo e per questo ancora molto costoso, anche se in misura minore rispetto a un intervento chirurgico. Alcune polizze assicurative coprono il costo di Xiapex e potrebbe ricevere un rimborso. Noti bene che Xiapex è disponibile solo come trattamento privato e non è coperto dal servizio sanitario nazionale.

 

I risultati sono permanenti?

Xiapex scioglie le placche e i risultati sono permanenti. In rari casi, i pazienti sviluppano nuovamente le placche tipiche della malattia, rendendo necessario un altro trattamento.

 

L’iniezione è dolorosa?

L’iniezione viene praticata in anestesia locale e, pertanto, non è generalmente dolorosa.

 

Proverò dolore dopo il trattamento?

Dopo l’iniezione potrebbero comparire gonfiore, petecchie ed ematomi nel sito di inoculo; alcuni pazienti potrebbero provare dolore da lieve a moderato. È possibile calmare il dolore con comuni antidolorifici.

 

Dopo quanto tempo potrò avere di nuovo rapporti sessuali?

Bisogna astenersi da qualsiasi attività sessuale per almeno 2 settimane dopo ogni iniezione di Xiapex e finché il dolore e il gonfiore non saranno scomparsi.

Cosa fare se la terapia non funziona?

Generalmente i pazienti assistono a un miglioramento significativo dopo un ciclo di Xiapex. Tuttavia, la curvatura residua potrebbe impedire in ogni caso i rapporti o causare fastidi. In tal caso, bisognerà prendere in considerazione la, correzione chirurgica.

Quali sono le potenziali complicazioni del trattamento?

La maggior parte degli effetti indesiderati è rappresentata da eventi locali a carico del pene o inguine e la maggioranza di questi eventi sono di entità lieve o moderata e si risolvono entro 14 giorni dall’iniezione. Le reazioni avverse al medicinale segnalate più frequentemente (>25%) nel corso degli studi clinici su Xiapex sono state: ematomi, gonfiore e dolore al pene. La complicazione più severa riportata è stata una frattura del pene (<1%).

Credo di essere affetto da malattia di La Peyronie. Cosa posso fare?

Se è affetto o sospetta di essere affetto da malattia di La Peyronie, le consigliamo di consultare al più presto uno specialista uro-andrologo.

Poiché la malattia di La Peyronie ha un decorso clinico di circa un anno è molto importante diagnosticare per tempo la patologia poiché le opzioni terapeutiche generalmente dipendono dalla fase della stessa.

I nostri medici sono altamente specializzati nella diagnosi e terapia della malattia di La Peyronie e siamo centro di riferimento internazionale per i pazienti affetti da questa patologia. Saremo lieti di valutare il suo caso e offrirle un trattamento personalizzato.

x

PER SAPERNE DI PIÙ

La malattia di La Peyronie, nota anche come induratio penis plastica, è una patologia che comporta la formazione di placche di tessuto cicatriziale nel pene. Essa colpisce circa il 9% della popolazione maschile e può manifestarsi ad ogni età, anche se la prevalenza è maggiore negli uomini di età superiore ai 35 anni. Continue Reading....
Un medico esperto, specializzato nella malattia di La Peyronie, sarà in grado di diagnosticare e capire in quale fase è la malattia attraverso un esame fisico e un’ecografia peniena durante la quale esaminerà le placche. Una volta ricevuta la diagnosi di malattia di Peyronie, il medico le suggerirà un piano terapeutico. Continue Reading....
La malattia di La Peyronie è una patologia progressiva ed è contraddistinta da due fasi diverse. Dalla sua insorgenza fino a circa 12 mesi, la malattia è nella cosiddetta fase acuta, durante la quale le dimensioni e la morfologia della placca sono soggette a mutamenti continui. Anche i sintomi tendono perciò a variare. Continue Reading....
Sono state testate diverse opzioni terapeutiche per la malattia di Peyronie, che rientrano in quattro principali categorie (per maggiori informazioni, la invitiamo a far riferimento alle pagine dedicate a ciascuna opzione terapeutica). Continue Reading....
I nostri protocolli terapeutici per la malattia di La Peyronie si basano sui più recenti studi clinici, linee guida e ampia esperienza professionale; ci aspettiamo che la maggior parte dei nostri pazienti riesca a trattare in maniera efficace i propri sintomi e in molti casi senza dover ricorrere a un intervento chirurgico. Continue Reading....
Purtroppo ad oggi nessun trattamento conservativo è in grado di dissolvere le placche così come avviene naturalmente in alcuni pazienti. Continue Reading....
Molti pazienti, quando ricevono la diagnosi di malattia di La Peyronie, tentano di eseguire una sorta di stretching o modellamento del pene (durante l’erezione, cercando di raddrizzarlo). Continue Reading....
In base alle attuali evidenze scientifiche, Xiapex è l’unico trattamento non chirurgico approvato che ha un impatto significativo sulle placche della malattia di La Peyronie e determina in media una riduzione del 35% della curvatura peniena. Continue Reading....
Il trattamento chirurgico della malattia di La Peyronie ha quattro obiettivi. Continue Reading....
In generale riteniamo che non esista una tecnica migliore di un’altra, ma soltanto ottimi chirurghi. Tutte le tecniche che impieghiamo sono state co-sviluppate e migliorate in maniera significativa dai nostri chirurghi e le nostre percentuali di successo rimangono alte e costanti a prescindere dalla tecnica utilizzata. Continue Reading....
La logica alla base di questa procedura è piuttosto semplice: quasi sempre la curvatura si sviluppa per la presenza di una placca su un lato dei corpi cavernosi (tunica albuginea) che determina una perdita di elasticità, per cui quando il pene è in erezione. Continue Reading....
Mentre la plicatura consiste nell’operare sulla parte sana e cioè il lato lungo del pene per accorciarlo, la tecnica del grafting si basa sul principio opposto. Continue Reading....
Sebbene non sia ancora chiaro se è la malattia di La Peyronie a causare disfunzione erettile o se le due patologie condividono gli stessi fattori di rischio, è obbligatorio valutare dettagliatamente la funzionalità erettile del paziente prima di procedere ad un qualsiasi trattamento per la malattia di La Peyronie. Continue Reading....
Purtroppo, la maggior parte delle polizze assicurative non copre i costi delle visite specialistiche per le disfunzioni sessuali o l’infertilità maschile, perciò quasi tutti i nostri pazienti sono autofinanziati. Continue Reading....

PER SAPERNE DI PIÙ

Contatti