DIMENSIONI & INGRANDIMENTO DEL PENE

Salute Uro-Genitale
 

Tecniche chirurgiche per l’aumento della circonferenza del pene

Aumento della circonferenza del pene tramite iniezione di grasso autologo

L’iniezione di grasso autologo (ossia prelevato dal paziente) finalizzato all’aumento della circonferenza peniena è la tecnica più diffusa e il metodo che preferiamo in termini di sicurezza e raggiungimento del risultato desiderato. L’iniezione può essere eseguita in anestesia locale (anche se sarebbe meglio l’anestesia totale o la sedazione) e si divide in tre semplici fasi:

  1. Aspirazione del grasso dall’addome e/o interno coscia (Prelievodel grasso autologo)

Si tratta della prima fase nella quale le cellule adipose vengono prelevate dal paziente, da un’area opportunamente identificata, attraverso mini-incisioni e l’utilizzo di una speciale ago-cannula aspirativa.

  1. Preparazione del grasso

Il grasso prelevato viene sottoposto a un processo di purificazione, mediante centrifugazione, per rimuovere le impurità e/o altri tipi di cellule. Questa procedura serve a massimizzare la sopravvivenza degli adipociti all’interno delle fasce del  pene in seguito all’intervento chirurgico e a mantenere nel tempo l’incremento ottenuto.

  1. Iniezione di grasso nel pene

Il grasso viene iniettato  nellle fasce del  pene attraverso una piccola incisione praticata sullo stesso. In questa fase a fare la differenza sarà l’esperienza e l’abilità del chirurgo. La modalità con  cui il grasso viene iniettato, in maniera precisa e omogenea,  determinerà il risultato estetico. L’obiettivo è quello di avere un pene dall’aspetto naturale (per quanto riguarda il glande) e con una circonferenza omogenea. Purtroppo molti medici eseguono ancora la tecnica introdotta 20 anni fa e per questo motivo ottengono spesso risultati non eccellenti con aree di disomogeneità da cui deriva  poi il rifiuto di praticare questa tecnica.

Abbiamo introdotto due semplici step per risolvere il problema:

  • Il grasso viene iniettato tramite cannule molto sottili. In questo modo riusciamo a filtrare le cellule adipose più grandi responsabili dei cosiddetti granulomi (accumuli disomogenei di grasso), esteticamente poco gradevoli.
  • Induzione di un’erezione artificiale per iniettare il grasso in maniera più accurata possibile. Ciò garantisce la distribuzione omogenea del grasso sia nello stato di erezione  che  di flaccidità.

In media è possibile ottenere un aumento della circonferenza del pene pari al 30%. Ciononostante, in alcuni pazienti i risultati ottenuti inizialmente, benché notevoli, possono ridursi nel tempo. Purtroppo non è possibile prevedere se e come ciò si verificherà, ma si può ridurre al minimo il rischio osservando alcune  istruzioni  post-operatorie.

I vantaggi del trasferimento di grasso autologo sono sintetizzati di seguito:

    • È la tecnica più eseguita e medici esperti sono in grado di ottenere risultati estetici molto soddisfacenti, con un aumento medio della circonferenza peniena pari al 30%.
    • È una tecnica poco invasiva, che può essere eseguita in anestesia locale senza complicanze significative.
    • Il rischio di rigetto è nullo in quanto vengono utilizzate le cellule del paziente stesso.
    • Il periodo di recupero è solitamente abbastanza breve ed è possibile riprendere l’attività sessuale dopo 4-6 settimane.

 

 

Innesto di dermal fat

Una tecnica alternativa all’iniezione di grasso  è l’innesto di dermal fat costituito da uno strato sottile di cute e grasso al quale è stato rimosso la parte cutanea più superficiale l’epidermide per favorirne l’attecchimento. Il dermal fat  viene prelevato dai glutei  o dall’addome del paziente, si procede quindi al degloving penieno e alla sutura del tessuto prelevato  lateralmente a ciascun corpo cavernoso, ottenendo così un aumento della sua circonferenza.

Il vantaggio di questa tecnica è che l’innesto può essere distribuito in maniera più uniforme rispetto alle iniezioni di grasso autologo. Tuttavia, si segnalano anche svantaggi significativi:

  • Si tratta di un’intervento che dura circa 3 ore, poiché non solo è necessario prelevare l’innesto (solitamente dalle natiche del paziente), ma anche procedere al degloving e regloving penieno.
  • La zona donatrice presenterà quindi cicatrici significative.
  • Il rischio di infezione dell’innesto è maggiore rispetto a quello dell’iniezione di grasso autologo.
  • L’innesto potrebbe contrarsi dopo l’intervento e determinare una retrazione del pene e perdita di lunghezza.
  • Non è ripetibile ed è difficile da rimuovere in caso di complicazioni.

Sebbene le complicanze siano rare, riteniamo che i vantaggi di questa tecnica (rispetto alle iniezioni di grasso) non siano così rilevanti da giustificare i rischi aggiuntivi.

 

Applicazione chirurgica di un distanziatore in silicone intorno al pene

 Una tecnica simile consiste nell’applicazione chirurgica di un distanziatore in silicone (si veda l’immagine) attorno al pene anziché un innesto di grasso.

I vantaggi del distanziatore in silicone è che non c’è rischio che il grasso venga riassorbito e la distribuzione lungo l’asta del pene è in generale più uniforme. Tuttavia, si segnalano anche alcuni svantaggi significativi:

  • I distanziatori in silicone sono piuttosto costosi
  • Il rischio di infezione è piuttosto elevato
  • Il pene allo stato flaccido non è naturale al tatto
  • L’eccessiva fibrosi intorno al distanziatore può comportare la retrazione peniena, lo sviluppo di una curvatura e la perdita di lunghezza in erezione
  • Rischio di estrusione del  distanziatore  durante i rapporti
  • Il tempo di recupero è decisamente più lungo
  • Il pene potrebbe apparire non uniforme nel passaggio dallo stato flaccido a quello eretto

 

Aumento della circonferenza tramite ingegneria tissutale con scaffold biodegradabili

Invece di impiantare un tessuto “formato” al di sotto della cute  peniena,  questa tecnica utilizza un materiale biodegradabile (PLGA) di forma tubulare (simile al distanziatore di silicone), che viene messo in coltura  per favorirne la  crescita e proliferazione in un liquido contenente le cellule  prelevate dal paziente( dalla fascia dartoica dello scroto).

Gli scaffold di forma tubulare vengono poi posizionati tra la fascia di Buck e il dartos penieno, ma non sono questi ad aumentare la circonferenza. Infatti, essi  servono solo come base (scaffolding) per mantenere in posizione le cellule del paziente che con il tempo formeranno un tessuto permanente. Gli scaffold vengono quindi completamente riassorbiti (il materiale di cui sono fatti è esattamente uguale a quello dei punti riassorbibili).  Anche se in via teorica questa tecnica appare attraente e i risultati per i primi sei mesi, prima che gli scaffold si riassorbano, appaiono sorprendenti, nella pratica  invece il nuovo tessuto che si forma altro non è che un sottile strato di fibroblasti (le cellule che formano il tessuto cicatriziale). Per questo motivo l’incremento a lungo termine è davvero minimo, mentre l’intera procedura è piuttosto complessa e costosa.

Vorrei aumentare le dimensioni del mio pene. Cosa dovrei fare?

Se desidera aumentare le dimensioni del suo pene, le consigliamo di prenotare una visita GRATUITA con uno dei nostri medici altamente specializzati. Durante la visita, il medico valuterà il suo caso e le spiegherà in dettaglio i possibili trattamenti, discuterà delle dimensioni che desidera ottenere e risponderà ad ogni sua domanda.

x

PER SAPERNE DI PIÙ

Conosciuto anche col nome di falloplastica, l’ingrandimento del pene è l’intervento medico-estetico più ricercato dagli uomini. Non bisogna sorprendersi se si pensa che più del 45% degli uomini sostiene di essere insoddisfatto delle dimensioni del proprio pene. Continue Reading....
il fatto che sia un argomento già così fortemente dibattuto è il primo segnale che le misure in effetti contano. Da una prospettiva medica, si tratta di un argomento che interessa molteplici aspetti poichè le dimensioni sono importanti per diversi meccanismi e di seguito vi spieghiano il perché. Continue Reading....
Prima di procedere al trattamento per l’ingrandimento del pene, verrà effettuato un’ampia consultazione con uno dei nostri medici per valutare se è il candidato ideale. Durante la visita discuterà col suo medico dei seguenti punti. Continue Reading....
Per modificare le dimensioni del pene, bisogna inevitabilmente cambiare la propria anatomia. Ecco perché NESSUN medicinale, crema o altro prodotto medicinale sarà in grado di aumentare le dimensioni del suo pene. Il modo più efficace per ingrandire il pene (lunghezza e circonferenza) è la procedura chirurgica. Continue Reading....
La chirurgia rimane la procedura di riferimento per l’ingrandimento del pene ed è eseguita da più di 30 anni (e potenzialmente anche da più tempo) su centinaia di migliaia di soggetti. Continue Reading....
I risultati della chirurgia sono permanenti nella stragrande maggioranza dei pazienti, purché vengano seguite le istruzioni post-operatorie. Continue Reading....
In tutti gli uomini esiste una parte del pene non visibile che si estende verso l’interno del corpo. La parte nascosta, come viene spesso indicata, è attaccata all’osso pubico attraverso i cosiddetti legamenti sospensori. Questi legamenti non svolgono alcun ruolo in particolare per la funzione erettile Continue Reading....
L’iniezione di grasso autologo (ossia prelevato dal paziente) finalizzato all’aumento della circonferenza peniena è la tecnica più diffusa e il metodo che preferiamo in termini di sicurezza e raggiungimento del risultato desiderato. Continue Reading....
Gli esercizi sono tra le prime soluzioni che l’uomo ha provato per l’ingrandimento del pene. Prendono spunto da culture primitive e trovano riscontro in altre discipline come l’ortopedia (allungamento di diafisi ossee) e la chirurgia plastica (lembi cutanei). Continue Reading....
Per alcuni uomini le dimensioni del pene costituiscono un enorme fonte di stress e di disagio, che difficilmente il solo trattamento di ingrandimento e/o allungamento sarà in grado di alleviare. Continue Reading....
Compresse e creme per l’ingrandimento del pene sono tra i farmaci più contraffatti e pericolosi in circolazione e vengono pubblicizzati selvaggiamente su internet . Continue Reading....
Durante la visita, il suo medico le spiegherà le tecniche disponibili , i risultati statisticamente possibili e valuterà, qualora fosse un candidato ideale all’ingrandimento del pene, quale tecnica è la più indicata nel suo caso specifico, in modo da avere un trattamento personalizzato. Continue Reading...

PER SAPERNE DI PIÙ

Contatti