DIMENSIONI & INGRANDIMENTO DEL PENE

Salute Uro-Genitale
 

Tecniche chirurgiche per l’allungamento del pene (falloplastica di allungamento)

La chirurgia è riconosciuta come l’unica in grado di allungare il pene in maniera efficace e sicura, sia allo stato flaccido che eretto. Su questa pagina potrete trovare le tecniche chirurgiche per l’allungamento del pene al momento possibili oltre che offerte presso la clinica andrologica di International Andrology Rome.

Ligamentolisi

In tutti gli uomini esiste una parte del pene non visibile che si estende verso l’interno del corpo. La parte nascosta, come viene spesso indicata, è attaccata all’osso pubico attraverso i cosiddetti legamenti sospensori. Questi legamenti non svolgono alcun ruolo in particolare per la funzione erettile, ma aiutano a mantenere l’organo eretto verso l’alto anziché verso il basso, quale sarebbe la sua naturale tendenza. La ligamentolisi può essere considerata come intervento base di allungamento e prevede la sezione dei legamenti. Ciò fa sì che una parte del pene “nascosto”si distacchi dal pube e fuoriesca verso l’esterno. Il risultato comporta ad un allungamento del pene. Pur sembrando una tecnica relativamente semplice, presenta diversi passaggi che richiedono esperienza da parte del chirurgo:

  • Impedire la riadesione dei legamenti: è infatti importante colmare il vuoto creatosi con la sezione inserendo una parte di tessuto del paziente o altro materiale per impedire la riadesione del legamento, che comporterebbe la perdita dell’incremento ottenuto. La riuscita dipende quasi esclusivamente dalla capacità del chirurgo e dall’osservanza delle istruzioni post-operatorie da parte del paziente, che includono l’utilizzo di un dispositivo di stretching per impedire che il legamento si riattacchi.
  • Angolazione del pene durante l’erezione: occorre prestare attenzione a conservare alcuni legamenti per ridurre al minimo il rischio di cambiamenti dell’angolo di erezione. Purtroppo, sono pochi i chirurghi a farlo. Ciò, però, dipenderà anche dai desideri del paziente poiché in genere è possibile ottenere un allungamento maggiore se si tagliano completamente i legamenti, seppur con il rischio di un’erezione verso il basso (l’effetto è più di natura estetica che funzionale, e non ostacola i rapporti).
  • Cicatrici: la ligamentolisi standard prevede la sezione del legamento attraverso un’incisione nell’area pubica. L’incisione comporta la formazione di una cicatrice più o meno visibile in base alle capacità e modalità di guarigione dell’organismo. I nostri medici effettuano mini-incisioni a livello della base peniena che si mimetizzano con le pieghe cutanee Anche in questo caso saranno le capacità del chirurgo a determinare l’entità delle cicatrici, ad esempio a stabilire la grandezza dell’incisione necessaria per eseguire la ligamentolisi in maniera semplice e corretta. Se l’intervento è praticato da un chirurgo esperto, i risultati di ciascun individuo saranno determinati essenzialmente dal rapporto tra la parte visibile e quella nascosta del pene. Questo rapporto può essere stabilito preventivamente tramite tecniche di diagnostica per immagini o l’esame fisico da parte del medico. Premesso che la ligamentolisi non modifichi tanto le dimensioni del pene quanto il rapporto tra la sua parte visibile e quella invisibile, l’effetto dell’intervento è prevalentemente visiibile nello stato di flaccidità, in cui è possibile ottenere un incremento tra i 2 e 5 cm. In erezione, invece, l’aumento di lunghezza del pene è compreso solitamente tra 0,5 e 2 cm e dipenderà dalla cura con cui attuerà le istruzioni post-operatorie. Come spiegato nelle precedenti sezioni, per molti uomini e per i rispettivi partner la lunghezza e la circonferenza a pene flaccido sono più importanti della lunghezza durante l’erezione. A tal proposito consideriamo la ligamentolisi, combinata all’aumento della circonferenza del pene e del glande, un’opzione eccellente per aumentare le dimensioni del pene poiché è poco invasiva, sicura ed offre risultati molto soddisfacenti per la maggioranza dei pazienti e i rispettivi partner.

Allungamento del pene tramite posizionamento di protesi

I pazienti affetti da disfunzione erettile severa candidati al trattamento o che in passato hanno già subito un intervento di protesi peniena possono ottenere un allungamento penieno in fase di erezione e di flaccidità sia attraverso tecniche chirurgiche modificate di impianto di protesi peniena. Per maggiori informazioni, la invitiamo a visitare la sezione relativa alle protesi peniene e alle loro diverse tipologie.

Allungare il pene mediante ricostruzione totale

Si tratta della tecnica più radicale poiché comporta il disassemblamento e ricostruzione del pene. Disassemblando il pene nelle sue diverse componenti anatomiche, viene creato uno spazio tra il glande e l’apice dei corpi cavernosi che è successivamente riempito con tessuto cartilagineo autologo, con un conseguente allungamento del pene. L’aumento della lunghezza peniena (sia allo stato flaccido che in erezione) che si ottiene attraverso questa tecnica è simile a quello dell’allungamento con protesi perché dipende dall’elasticità del fascio neuro-vascolare. La combinazione di questa tecnica con la procedura standard di ligamentolisi può determinare un ulteriore aumento e un risultato complessivo notevole. Tuttavia, visto l’alto grado di difficoltà e i significativi tempi di recupero, i nostri medici eseguono questo tipo di intervento soltanto su pazienti affetti da micropenia ossia che presentano una lunghezza del pene in erezione inferiore a 8 cm.

Correzione della palmatura peno-scrotale e rimozione del grasso sovrapubico

A tutte le tecniche già menzionate su come allungare il pene è possibile integrare la simultanea rimozione di grasso sovrapubico e la correzione della palmatura penoscrotale (l’eccesso di pelle che collega il pene allo scroto). L’effetto di questi due interventi dipenderà dall’anatomia del paziente, ma entrambi possono determinare un aumento visibile della lunghezza del pene. Anche se si tratta di procedure aggiuntive molto semplici, sia i nostri pazienti sia i loro partner si ritengono molto soddisfatti dei risultati.

Vorrei aumentare le dimensioni del mio pene. Cosa dovrei fare?

Se desidera aumentare le dimensioni del suo pene, le consigliamo di prenotare una visita GRATUITA con uno dei nostri medici altamente specializzati. Durante la visita, il medico valuterà il suo caso e le spiegherà in dettaglio i possibili trattamenti, discuterà delle dimensioni che desidera ottenere e risponderà ad ogni sua domanda.

x

PER SAPERNE DI PIÙ

Conosciuto anche col nome di falloplastica, l’ingrandimento del pene è l’intervento medico-estetico più ricercato dagli uomini. Non bisogna sorprendersi se si pensa che più del 45% degli uomini sostiene di essere insoddisfatto delle dimensioni del proprio pene. Continua a leggere....

il fatto che sia un argomento già così fortemente dibattuto è il primo segnale che le misure in effetti contano. Da una prospettiva medica, si tratta di un argomento che interessa molteplici aspetti poichè le dimensioni sono importanti per diversi meccanismi e di seguito vi spieghiano il perché. Continua a leggere....

Prima di procedere al trattamento per l’ingrandimento del pene, verrà effettuato un’ampia consultazione con uno dei nostri medici per valutare se è il candidato ideale. Durante la visita discuterà col suo medico dei seguenti punti. Continua a leggere....

Per modificare le dimensioni del pene, bisogna inevitabilmente cambiare la propria anatomia. Ecco perché NESSUN medicinale, crema o altro prodotto medicinale sarà in grado di aumentare le dimensioni del suo pene. Il modo più efficace per ingrandire il pene (lunghezza e circonferenza) è la procedura chirurgica. Continua a leggere....

La chirurgia rimane la procedura di riferimento per l’ingrandimento del pene ed è eseguita da più di 30 anni (e potenzialmente anche da più tempo) su centinaia di migliaia di soggetti. Continua a leggere....

I risultati della chirurgia sono permanenti nella stragrande maggioranza dei pazienti, purché vengano seguite le istruzioni post-operatorie. Continua a leggere....

In tutti gli uomini esiste una parte del pene non visibile che si estende verso l’interno del corpo. La parte nascosta, come viene spesso indicata, è attaccata all’osso pubico attraverso i cosiddetti legamenti sospensori. Questi legamenti non svolgono alcun ruolo in particolare per la funzione erettile Continua a leggere....

L’iniezione di grasso autologo (ossia prelevato dal paziente) finalizzato all’aumento della circonferenza peniena è la tecnica più diffusa e il metodo che preferiamo in termini di sicurezza e raggiungimento del risultato desiderato. Continua a leggere....

Gli esercizi sono tra le prime soluzioni che l’uomo ha provato per l’ingrandimento del pene. Prendono spunto da culture primitive e trovano riscontro in altre discipline come l’ortopedia (allungamento di diafisi ossee) e la chirurgia plastica (lembi cutanei). Continua a leggere....

Per alcuni uomini le dimensioni del pene costituiscono un enorme fonte di stress e di disagio, che difficilmente il solo trattamento di ingrandimento e/o allungamento sarà in grado di alleviare. Continua a leggere....

Compresse e creme per l’ingrandimento del pene sono tra i farmaci più contraffatti e pericolosi in circolazione e vengono pubblicizzati selvaggiamente su internet . Continua a leggere....

Durante la visita, il suo medico le spiegherà le tecniche disponibili , i risultati statisticamente possibili e valuterà, qualora fosse un candidato ideale all’ingrandimento del pene, quale tecnica è la più indicata nel suo caso specifico, in modo da avere un trattamento personalizzato. Continua a leggere...

PER SAPERNE DI PIÙ

Contatti